E' Nadia Bergamini la donna uccisa dal genero ieri al termine di una aggressione che si è consumata a Latina. In stato di fermo c'è Antonino Salvatore Zappalà, di origini catanesi, residente nel capoluogo pontino, nell'abitazione di via Casorati dove si è consumata la tragedia. E' ritenuto il presunto autore della feroce aggressione. E' stata la compagna una volta rientrata a casa a fare la scoperta e ad allertare i soccorsi. L'abitazione è stata posta sotto sequestro su ordine del pubblico ministero Marco Giancristofaro che si occupa delle indagini. In un primo momento dopo l'aggressione il reato contestato nei confronti dell'uomo era quello di lesioni gravissime. adesso è diventato omicidio volontario. Dagli accertamenti è emerso che la donna è stata picchiata sulla testa con molta violenza.