Medico non vaccinato reintegrato e trasferito a nuova mansione, questa mattina alcuni utenti si sono ritrovati davanti alla sede dell'Asl di Aprilia per manifestare tutta la propria vicinanza al dottore e soprattutto chiedere alla Asl che venga reintegrato. In questo momento il direttore del distretto Latina 1, il dottor Belardino Rossi, ha deciso di incontrare una rappresentanza del gruppo per spiegare nel dettaglio quali sono le norme e le regole che hanno portato prima la sospensione, poi al reintegro e quindi alla decisione di destinare il dottor Casciano ad un altro incarico. 

Il confronto tra utenti e assistiti del dottor Angelo Casciano e direttore del distretto Latina 1il dottor Rossi appena terminato visto che gli utenti rimangono sulle loro posizioni e chiedono all'Asl un'impossibile reintegro del medico come medico di famiglia. Il direttore del distretto ha spiegato che l'Asl ha dovuto a norma di legge destinare il dottor Casciano ad un incarico che non prevede il contatto con il pubblico per tutelare sia la sua di salute che quella degli utenti. Di fronte alle rimostranze dei cittadini, il dottor Rossi ha anche spiegato che questa misura è naturalmente temporanea e che sono disponibili altri 15 medici a cui gli utenti possono rivolgersi come medico di medicina generale