La zona dei pub nel centro di Latina è finita nuovamente sotto la lente d'ingrandimento di Polizia e Carabinieri, non solo per gli ormai consueti controlli volti a garantire il rispetto delle norme anticontagio. Due risse registrate negli ultimi due fine settimana, in un crescendo di violenza, hanno infatti riproposto il problema della sicurezza e non solo in termini di prevenzione per assicurare tranquillità agli avventori e ai gestori dei locali notturni, ma soprattutto per contrastare quei fenomeni criminali che troppo spesso si nascondono dietro quelle che rischiano di passare per semplici scaramucce.
La notte tra sabato e domenica scorsi le pattuglie delle forze di polizia si sono dovute precipitare in via Neghelli in seguito alla segnalazione di un nutrito gruppo di giovani che si picchiavano in strada. I testimoni oculari riferivano di un numero imprecisato tra le quindici e le venti persone che partecipavano alla rissa, contando anche alcuni addetti alla sicurezza che sono intervenuti per placare gli animi e si sono ritrovati a loro volta a doversi difendere dalla furia dei ragazzi che se le davano di santa ragione.


La scena è durata una serie di interminabili secondi, giusto il tempo che la folla si disperdesse prima dell'arrivo delle pattuglie di Carabinieri e Polizia che si stanno occupando degli accertamenti utili a scoprire cosa sia successo di preciso e per quale ragione è scoppiata la zuffa. Gli investigatori hanno raccolto una serie di testimonianze e in questi giorni hanno iniziato a visionare i filmati registrati dalle telecamere di video sorveglianza, sia pubbliche che private, installate in quella zona alla ricerca di spunti utili alle indagini.