I distributori automatici di snack e bevande continuano a rappresentare una facile preda per i ladri, specie quelli meno capaci e organizzati, soprattutto se c'è da introdursi in un istituto scolastico, quindi un luogo vulnerabile, solitamente sprovvisto dei necessari sistemi antifurto. L'ultimo colpo è stato messo a segno all'interno dell'istituto comprensivo Aldo Manuzio di Latina Scalo, il plesso che ospita la scuola media del quartiere: nottetempo ignoti sono riusciti a intrufolarsi nella struttura forzando un infisso, poi hanno avuto tutto il tempo di dedicarsi alle macchinette.


Facendo ricorso ai soliti metodi rudimentali, utilizzando probabilmente comuni attrezzi da lavoro trasformati per l'occasione in arnesi da scasso, i ladri di turno hanno danneggiato i distributori per apriliri e svuotare la cassetta che contiene gli spiccioli, il fondo cassa lasciato per dare il resto ai clienti il giorno dopo, qualche centinaio di euro in tutto. Ma gli scassinatori non si sono accontentati del denaro, visto che hanno arraffato anche diversi prodotti tra quelli esposti all'interno della vetrina dei distributori, sia snack che bevande. Insomma, a colpire non sono stati professionisti del crimine, come testimonia anche la difficoltà che hanno avuto nel forzare le serrature, e il risultato è lo stesso di sempre: i danni superano il valore del bottino raccolto dai ladri.


La scoperta dell'irruzione risale alla mattina di ieri, quando i collaboratori scolastici si sono presentati nell'istituto per l'apertura: a quel punto è scattata la segnalazione alla centrale operativa del 112 e sul posto sono intervenute le pattuglie della Polizia per gli accertamenti del caso e la constatazione del furto. I distributori automatici sono stati passanti in rassegna, ma a quanto pare gli autori del raid non hanno lasciato tracce utili alla loro identificazione.