E' un fenomeno purtroppo in crescita. Dopo il 2020 si poteva probabilmente sperare in una inversione del trend, ma a leggere i dati del 2021, l'aumento delle denunce, dei casi, ma soprattutto degli interventi dell'autorità giudiziaria e delle forze dell'ordine sono in forte, fortissimo aumento.

Maltrattamenti e violenze in famiglia, quasi sempre a danno delle donne, sono stati amplificati dal lockdown del 2020 e dalle misure restrittive che da due anni caratterizzano la nostra vita. La casa, da luogo sicuro, si è rivelata ancora di più una vera e propria trappola in cui rabbia, esasperazione e qualsiasi altro sentimento negativo montano e trovano sfogo al riparo delle mura. Tutto negativo? Assolutamente no. Gli stessi dati infatti, certificano e confermano quello che le stesse vittime ammettono: la risposta di istituzioni e di forze dell'ordine sono celeri, puntuali. Certo a volte le prime misure cautelari (l'allontanamento dall'abitazione, il divieto di frequentare i luoghi frequentati dalla vittima, il divieto di contattarla anche tramite telefono o web) si rivelano inadeguate, e allora vengono inasprite con arresti domiciliari o anche il carcere. Ed è questo che contribuisce a rafforzare e aumentare la fiducia di vittima che magari, prima, non avevano nemmeno mai pensato di poter chiedere aiuto. Il Codice Rosso, con quel canale preferenziale che permette di intervenire nell'arco di ore, ha spinto a denunciare molte vittime.

Nel Nord pontino, tra Aprilia, Cisterna, Cori passando per Sermoneta, nel 2020 si erano registrate, ai soli Comandi dell'Arma, 41 denunce per violenza. Dato che arriva a 99 nel 2021. A fronte di ciò però, i Carabinieri del Reparto Territoriale di via Tiberio - e dei vari Comandi stazioni - diretto dal tenente colonnello Paolo Guida che nel 2020 avevano effettuato 9 arresti per violenza sulle donne, nei 12 mesi scorsi ne hanno effettuati 21.

Alle denunce per violenza si aggiungono quelle per maltrattamenti che nel 2020 sono 58 e per atti persecutori ferme a 33. L'anno dopo si passa a 77 denunce per maltrattamenti e 43 per stalking, con gli arresti che passano da 28 e 47 a 20 e 26. I dati spesso si accavallano perché le denunce ad esempio passano dal "semplice" stalking alla violenza.

La fiducia nelle forze dell'ordine si palesa anche nelle richieste di aiuto: nel 2020 le telefonate per chiedere aiuto al 112 sono 172, nel 2021 arrivano a 238.

In attesa che si riesca a cambiare la cultura, perlopiù maschile, e che si riesca a instillare nelle nuove generazioni, un maggior rispetto della donna, le vittime devono prendere coscienza che strumenti a loro tutela ci sono e funzionano e non devono temere di farsi avanti.