Comincerà lunedì l'inchiesta amministrativa, parallela a quella penale, sul possibile condizionamento mafioso dei Comuni di Anzio e Nettuno. Il Prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, ha nominato ieri le commissioni di accesso che per i prossimi tre mesi indagheranno sugli appalti assegnati dai Comuni di Anzio e Nettuno nonché su eventuali altri rapporti confortati da atti amministrativi tra esponenti dell'ente, politici e/o burocratici ed esponenti della locale di ndrangheta oggetto dell'inchiesta. Nelle carte spunta un episodio di un uomo che si spaccia per un Di Silvio di Latina e che viene scoperto. Aveva millantato l'appartenenza al Clan.