Nuovo sequestro per abusivismo edilizio sul litorale di Terracina, e precisamente nella zona di via Lungo Sisto, nella parte nord della città, non lontano dal litorale, dove gli agenti della Polizia locale lunedì mattina si sono imbattuti nella realizzazione di un villino unifamigliare già dotato di pareti, parte del tetto, pilastri dicemento armato e mura di cinta. Il cantiere era privo di qualsivoglia autorizzazione edilizia. Un fenomeno inarrestabile quello del mattone abusivo, specialmente nella zona del mare oppure nelle campagne circostanti. Solo qualche giorno fa sempre i vigili urbani hanno sequestrato una villetta all'interno di un residence, ormai completata con tanto di rifiniture in legno, tirata su senza permessi.
In quest'ultimo caso, analogo a diversi precedenti, gli agenti del nucleo ambientale e di polizia giudiziaria agli ordini del comandante Mauro Renzi stavano svolgendo dei controlli di istituto, nell'ambito di un'attività mirata specificamente a contrastare il fenomeno dell'abusivismo edilizio e delle violazioni in materia ambientale. In località Lungo Sisto, gli agenti si sono imbattuti in questo manufatto realizzato su circa 150 metri quadrati, all'interno di un'area privata probabilmente destinata a giardino. Come per i precedenti casi, il proprietario non è riuscito ad esibire alcun documento di quegli interventi, in via di completamento, come evidente dalle immagini scattate. A finire nei guai, un uomo di Terracina di circa 50 anni che ora è stato denunciato per violazione delle norme in materia edilizia, mentre controlli sono in corso anche sull'edificabilità del terreno. Il manufatto è stato infine sottoposto a sequestro mediante l'apposizione di sigilli, mentre l'attività di controllo della Polizia locale non si ferma.