Sono Enrico Curzi, nato nel 1945, e il figlio Andrea Nato nel 1970 e quindi di 52 anni, le due vittime del tragico incendio divampato questa notte in una abitazione singola di via della Moletta, una traversa di via della riserva nuova alle porte di Aprilia. I loro corpi sono stati trovati carbonizzati durante le operazioni di spegnimento del rogo da parte dei vigili del fuoco di Aprilia,  intervenuti poco dopo la mezzanotte su richiesta di alcuni residenti. Le prime ipotesi al vaglio sia degli uomini del 115, che dai militari del reparto territoriale di Aprilia, vogliono che le fiamme si siano sviluppate a causa di un possibile cortocircuito del quadro elettrico dell'immobile. 

È di due morti il bilancio di un terribile incendio avvenuto questa notte in una traversa di via della riserva nuova ad Aprilia. Il rogo è divampato all'interno di un'abitazione singola in cui stavano dormendo padre (classe 1945) e figlio di 52 anni. Le due vittime sono state sorprese dal fumo che ha in pochi istanti riempito tutti i locali della piccola abitazione non lasciando scampo a nessuno dei due. Sul posto poco dopo la mezzanotte si sono precipitati alcune squadre dei vigili del fuoco, due ambulanze, e i militari dell'Arma del reparto territoriale di Aprilia, ma per padre e figlio ogni tentativo di soccorso si è rivelato inutile. L'immobile è stato posto sotto sequestro dall'autorità giudiziaria in attesa delle conclusioni dell'indagini sulle cause che hanno scatenato l'incendio e quindi anche il decesso delle tue vittime.

di: La Redazione