Ammonito per stalking un 47enne di  Cisterna. F.T. è stato raggiunto dal provvedimento del Questore di Latina in virtù della denuncia presentata dall'ex fidanzata al Commissariato di P.S. di Cisterna di Latina, nella quale rappresentava che, dalla fine della relazione con il giovane avvenuta nel mese di novembre 2021, l'uomo  per motivi di gelosia, aveva iniziato a porre in essere comportamenti  ossessivi  e di violenza verbale e psicologica nei confronti della medesima, tali da ingenerarle uno stato di sofferenza psicologica e ansia causata dall'atteggiamento dell'uomo. La condotta stalkerizzante veniva altresì aumentata dai frequenti pedinamenti oppure tramite l'invio di una notevole quantità di messaggi e chiamate telefoniche contenenti minacce ed ingiurie tanto da indurla a bloccare i contatti social e telefonici, sebbene più volte avesse chiaramente comunicato all'ex compagno di non volerlo più sentire. Anche le scenate di gelosia, avvenute alla  presenza di amici e conoscenti, contribuivano ad aumentare lo stress emotivo della domma. Durante il periodo in cui la donna era affetta da covid-19 poi, l'uomo ha continuato imperterrito a presentarsi sotto casa della medesima, pretendendo di parlarle, incurante dei rischi connessi alla malattia. Al termine della complessa istruttoria esperita dalla Divisione Anticrimine, riscontrate oggettivamente le dichiarazioni della parte offesa e dimostrato quanto i reiterati comportamenti molesti avessero ingenerato nella donna un forte stato di ansia e timori per la propria incolumità tanto da costringerla a modificare le proprie abitudini di vita, il Questore emetteva la misura di prevenzione dell'Ammonimento nei confronti dello stalker, notificata a cura di personale del Commissariato di P.S. di Cisterna di Latina. L'ammonimento è stato adottato in attuazione dell'art. 8 del D.L. del 23/02/2009 n. 11, recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori. Qualora dovesse riscontrarsi la reiterazione dei comportamenti alla base del provvedimento di ammonimento e, quindi, la violazione dello stesso, nei confronti dell'ammonito scatterà la denuncia d'ufficio per il reato di atti persecutori, punito con la reclusione da 6 mesi a 4 anni.