Un uomo di 64 anni vicino Latina è accusato del reato di violenza sessuale aggravata. Avrebbe abusato della nipote, una bambina di quattro anni e l'avrebbe palpeggiata. L'inchiesta è scattata a seguito della denuncia della madre della piccina insospettita da alcuni atteggiamenti della figlia e la Procura ha aperto un'inchiesta e ha iscritto sul registro degli indagati l'uomo che a piede libero. Al momento si tratta di una pura ipotesi investigativa non supportata da alcun riscontro concreto.

Proprio per questo era stato chiesto un incidente probatorio per raccogliere e blindare il racconto della bambina. Secondo quanto ha sostenuto la madre, sarebbe avvenuto un episodio quando il nonno della piccola era da solo con la nipote in camera da letto: in quella circostanza all'arrivo della madre, l'indagato si sarebbe allontanato all'improvviso dalla piccola quasi per nascondere qualcosa. Sempre secondo quanto riferito dalla madre che ha presentato una denuncia in Procura chiedendo al pm titolare del fascicolo Daria Monsurrò, l'esercizio dell'azione penale, la piccola sarebbe stata palpeggiata. Ieri in Tribunale era in programma l'incidente probatorio davanti al gip Giorgia Castriota in forma protetta, la piccola era assistita dal supporto della psicologa Alessia Micoli. Si trattava dell'esame per raccogliere un'eventuale prova. Diverse le zone d'ombra su questa vicenda e il giudice ha nominato un neuropsichiatra per ascoltare in questo modo la piccola. Sul caso c'è uno strettissimo riserbo. I fatti contestati sono avvenuti alcuni mesi fa.