Arriva la bella stagione e tra una festività, un ponte e un weekend, la movida prende vigore anche in pieno giorno, nelle feste organizzate negli stabilimenti balneari che cominciano a riaprire, le discoteche con la prima estate senza restrizioni dopo due anni e i locali dei centri urbani che si ripopolano pure all'esterno. Nella generale euforia, soprattutto giovanile, non è mancato chi, trasportato da allegre compagnie e musica, ha finito per perdere il controllo (e il conto) dei drink tra sabato e domenica, rischiando di vedersela brutta. Un episodio, tutto da ricostruire, è accaduto a Fondi nella notte tra il 30 aprile e il 1 maggio. È stato rilevato dai carabinieri coordinati dalla Compagnia di Terracina agli ordini del capitano Francesco Vivona. Un giovane di 23 anni, intorno alle 5 del mattino, è stato trovato steso a terra all'esterno di una discoteca della città della Piana. Un ragazzo lo ha notato e siccome era privo di sensi e aveva un po' di sangue sulla bocca, ha deciso di allertare le forze dell'ordine. Il giovane si era addormentato, completamente dimentico di quello che era successo nella notte brava in discoteca. Non è riuscito a ricostruire l'accaduto davanti ai militari. Buio totale, dunque, sulle ore precedenti trascorse in discoteca, anche se dagli elementi raccolti non sembrano esserci troppe zone d'ombra.