Controlli in centro anche in moto, da parte della Polizia Locale, per intensificare l'attività di prevenzione dei comportamenti di guida pericolosi, oltre che vietati. Dall'utilizzo degli smartphone durante la guida alle manovre spericolate con i monopattini elettrici, l'utilizzo delle pattuglie in moto consente servizi più incisivi e capillari nel traffico del centro, quindi più efficaci nell'azione di contrasto delle violazioni del codice della strada.

Visto l'alto tasso di incidentalità, ma soprattutto alla luce di un contesto generale di scarsa attenzione per la sicurezza stradale da parte dei giovani, particolare attenzione viene riposta dagli agenti sul corretto utilizzo dei monopattini elettrici, soggetti alle stesse norme di percorrenza delle strade, con una serie di obblighi e limitazioni per i giovanissimi. Ieri pomeriggio ad esempio gli agenti hanno fermato un adolescente sorpreso ad attraversare un incrocio col semaforo rosso, manovra che il giovane ha compiuto sotto i loro occhi, senza rendersene conto. Quando lo hanno fermato per la contestazione della violazione, i poliziotti della Locale hanno verificato che si trattava di un minorenne, quindi soggetto all'obbligo di indossare il casco, che non aveva con sé. Doppia multa, quindi.