Sono andate avanti a lungo le operazioni di spegnimento dell'incendio che ha interessato il campo nomadi nell'ex centro di accoglienza Al Karama in via Monfalcone, e la successiva bonifica necessaria per impedire nuovi focolari. I Vigili del Fuoco hanno lavorato con le squadre del pronto intervento, col supporto di diversi gruppi di protezione civile e un elicottero antincendio della Regione Lazio coordinato da un Direttore Operazioni di Spegnimento degli stessi Vigili del fuoco, operazioni dirette sul posto da un funzionario. Il comando di Latina fa sapere che l'area percorsa dal fuoco è di circa nove ettari e non risultano persone coinvolte.
In ogni caso quella di via Monfalcone è una vera e propria emergenza che ha richiesto l'impegno degli enti locali per l'accoglienza dei circa cento sfollati. L'incendio infatti, partito dai terreni circostanti e poi spinto dal vento, una volta raggiunto il campo rom, alimentato dai molti rifiuti presenti, ha distrutto diverse strutture. Le operazioni di evacuazione delle baracche sono state seguite in prima persona dl sindaco Damiano Coletta e da Francesca Pierleoni, vice sindaco e assessora al welfare. A riguardo, il cittadino ha dichiarato: «Voglio fare i complimenti in primis ai Vigili del Fuoco e alla Protezione Civile, la situazione era pericolosa per il forte vento che spirava e alimentava le fiamme ma è stata gestita con grande competenza e freddezza. Ringrazio anche la Polizia Locale e tutte le forze dell'ordine intervenute, Polizia e Carabinieri, così come gli operatori del Pronto Intervento Sociale, il personale dei Servizi Sociali del Comune e la Caritas. Grazie alla professionalità di tutti coloro che sono entrati in azione, questo incendio non ha provocato vittime né feriti. Gli ospiti di Al Karama verranno collocati provvisoriamente all'ex Rossi Sud, in un'area completamente distinta rispetto all'hub vaccinale. Per questo ritengo doveroso ringraziare il prefetto Maurizio Falco, il presidente della Provincia Gerardo Stefanelli e il direttore generale dell'Asl Silvia Cavalli. Le istituzioni, anche in questo caso, hanno fatto squadra per affrontare un caso delicato».

Un vasto incendio di sterpaglie ha raggiunto il campo nomadi nell'ex centro di accoglienza Al Karama in strada Monfalcone, tra Borgo Montello e Borgo Bainsizza. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, ignoti avrebbero appiccato le fiamme in più punti tra i campo che si trovano tra la discarica e la struttura occupata dai rom, una vasta area incolta che il fuoco ha attraversato rapidamente, spinto dal forte vento.

In pochi minuti le fiamme hanno raggiunto il campo nomadi interessando alcune strutture: i Vigili del Fuoco, col supporto dei gruppi di protezione civile, sono al lavoro per contenere l'avanzata del rogo che intanto ha interessato anche altre aree agricole della zona. È stato mobilitato anche il soccorso sanitario con l'intervento di un'ambulanza, ma al momento non si registrano feriti, né intossicati. La Polizia Locale sta gestendo invece la viabilità, rallentata a causa del fumo che invade la carreggiata di strada Monfalcone. Timori concreti anche per il rischio dovuto al rilascio di sostanze tossiche nell'aria perché il fuoco ha raggiunto rifiuti e alcune strutture di fortuna.

di: La Redazione