Esponenti del Movimento 5 stelle e lo stesso assessore all'Ambiente Adriana Calì denunciano sui social il presunto atto di vandalismo con il quale, ieri mattina, alcune persone non ancora identificate hanno rimosso dalla spiaggia che si trova di fronte al campeggio Stella Mare, a Capoportiere, i paletti con cui era stata delimitata l'area che dovrà ospitare la Colonia Lucente, e cioè un nuovo stabilimento riservato alle persone disabili. Un'azione disdicevole e da censurare, che fa il paio con l'azione disdicevole e da censurare dell'amministrazione Coletta, che sembra aver preso di mira il tratto di litorale compreso fra il campeggio Alta Marea e il campeggio Stella Mare, un tratto di circa cinquecento metri lineari nel quale è stata progressivamente inibita la libera fruizione della spiaggia, visto che è attualmente occupata, senza soluzione di continuità (a parte quindici metri tra i lidi Circello e Kusi) da ben tre stabilimenti e ora anche da un quarto, appunto la Colonia Lucente. Ieri mattina, con ogni probabilità, sono stati i residenti o i campeggiatori che trascorrono l'estate proprio in quel tratto di litorale, a violare la delimitazione provvisoria della spiaggia, sentendosi usurpati del loro diritto di accesso al mare.
Fino allo scorso anno, la spiaggia attrezzata gestita dall'associazione Peter Pan si trovava un chilometro più a sud, in un tratto di litorale dove c'è un solo stabilimento e dove la libera fruizione da parte dei cittadini non era compromessa, tanto più che sotto gli ombrelloni dell'area gestita da Peter Pan poteva sistemarsi chiunque.