Gli specialisti dei furti sono entrati in azione ieri notte in pieno centro a Latina, ma questa volta il colpo è fallito. L'intervento della Polizia ha sventato l'azione criminale praticamente nelle fasi preliminari, quindi non è ancora chiaro quali fossero le reali intenzioni degli scassinatori, fatto sta che i banditi, approfittando della presenza di un cantiere per la ristrutturazione di un edificio, sono riusciti a bucare una parete e introdursi nella sede di un'agenzia di pratiche auto, ma forse non era questo l'obiettivo dei soliti ignoti, visto che nel negozio accanto c'è una gioielleria. Sull'episodio sono in corso le indagini da parte degli investigatori della Questura.

I ladri sono entrati in azione nel palazzo all'angolo tra via Pio VI e via Garibaldi, praticamente alle spalle della cattedrale San Marco. La palazzina è interessata da lavori di efficientamento energetico e adeguamento sismico e oltre alle impalcature sulla facciata, nel cortile sul retro è allestito il cantiere. In questo contesto probabilmente la banda di professionisti dei furti pensava di approfittarne per agire, nascondendosi tra i ponteggi. Invece qualcuno ha notato i loro movimenti e ha subito dato l'allarme.
All'arrivo dei poliziotti della Squadra Volante gli sconosciuti erano già scappati, costretti però a rinunciare al colpo. Come accertato nel corso di un sopralluogo, i banditi si erano introdotti nel cantiere allestito nel cortile su via Garibaldi e da lì avevano bucato una parete per sbucare nel bagno dell'agenzia di pratiche auto che affaccia con la vetrina su via Pio VI. I soliti ignoti non hanno avuto il tempo di fare altro, quindi non è ancora chiaro se cercassero qualcosa nell'agenzia, come soldi o carte di circolazione in bianco, oppure se il loro piano prevedesse una seconda mossa, come ad esempio bucare anche la parete comunicante tra quel negozio e il locale accanto, dove si trova appunto la gioielleria. Eventualità, questa, che i poliziotti sembrano prediligere rispetto alle altre, alla luce anche dei precedenti consumati nelle ultime settimane nel territorio di Latina.