Un'inquietante aggressione a scopo di rapina si è consumata nella notte di ieri in via Giovan Battista Grassi, nel cuore del quartiere popolare di fondazione Nicolosi. La vicenda è piuttosto singolare perché la vittima è un commerciante marocchino ben inserito nella comunità nordafricana che gestisce gli affari illeciti nel rione multietnico nel centro città. Si tratta infatti di Lakbir Maknassi, 49 anni, uno degli spacciatori identificati e successivamente arrestati dalla Polizia durante il blitz di Vittorio Brumotti, l'inviato del tele giornale satirico Striscia La Notizia di Canale 5, il servizio che aveva documentato la vendita di cocaina proprio nella piazza di spaccio che i magrebini gestiscono tra le case gialle: in quella circostanza, era il gennaio del 2020, il marocchino era apparso con un ruolo di primo piano nel filmato registrato quel giorno attraverso una telecamera nascosta addosso al finto cliente ingaggiato da Mediaset.

L'aggressione si è consumata nel cuore della notte di ieri, quando l'uomo è stato preso alle spalle da sconosciuti mentre si trovava in strada, praticamente sotto casa, a poche centinaia di metri dall'attività commerciale che gestisce ormai da qualche anno. Stando a quanto lo straniero ha raccontato ai poliziotti della Squadra Volante intervenuti per gli accertamenti del caso e le ricerche dei fuggitivi, più persone lo hanno bloccato e picchiato, costringendolo a consegnare loro tutti i soldi che aveva con sé. Il marocchino ha dichiarato di avere lasciato 1.500 euro nelle mani dei banditi, ossia l'incasso del suo negozio dell'usato, un emporio all'angolo tra via Corridoni e via Marchiafava.