Proprio un anno fa l'indagine aveva portato da Napoli a Latina dove era stato recuperato il biglietto vincente del Gratta e Vinci rubato a una donna. Il valore del prezioso tagliando era di 500mila euro. Per Gaetano Scutellaro, 57 anni, anche lui di Napoli, ritenuto il presunto responsabile dei fatti ipotizzati,  è stata emessa la sentenza di condanna di primo grado: cinque anni per furto aggravato e tentata estorsione oltre ad una multa di 3200 euro.

Il Tribunale di Napoli a fine giugno si è pronunciato e nel corso della sua requisitoria, il magistrato inquirente Enrica Parascandolo aveva definito «tragicomica» la vicenda che ha portato alla condanna dell'imputato.Scutellaro ha scelto di essere processato con il rito abbreviato, godendo così della riduzione di un terzo della pena. Tra breve saranno depositate le motivazioni della sentenza e la difesa come annunciato anche in occasione della lettura del dispositvo, presenterà ricorso in Corte d'Appello.