Condanna a un anno di reclusione per Matteo Baldascini, 19 anni, imputato per lesioni gravi per l'aggressione ad una ragazza sul Lungomare al Lido di Latina. L'episodio era avvenuto lo scorso luglio. Ieri mattina nel corso del processo (si trattava di un proseguo di direttissima) si è concluso definitivamente il dibattimento davanti al giudice Fabio Velardi. La pubblica accusa aveva chiesto la condanna a un anno e sei mesi di reclusione per dei fatti avvenuti lo scorso luglio. Erano stati gli agenti della Polizia a fare piena luce sulla folle aggressione. Il giovane, difeso dall'avvocato Alessia Vita, ha scelto il giudizio abbreviato, un rito previsto dal codice che prevede la riduzione di un terzo della pena. In occasione della prima udienza il magistrato aveva convalidato e disposto il divieto di avvicinamento, mentre il pubblico ministero Giuseppe Miliano, titolare del fascicolo, aveva chiesto come misura cautelare quella degli arresti domiciliari. Alla fine il giudice per la giovane età dell'imputato dopo aver convalidato l'arresto ha disposto come provvedimento il divieto di avvicinamento. Erano stati gli agenti della Squadra Volante ad intervenire sul Lungomare in occasione di un evento che si era svolto al Lido di Latina e aveva attirato molti giovani; a riportare la peggio era stata una minore. La 17enne rimasta ferita, aveva fatto ricorso alle cure dei sanitari del Santa Maria Goretti e aveva riportato una prognosi di cinque giorni per essere stata colpita al volto.