Condanna a due anni e quattro mesi di reclusione per l'insospettabile 59enne, arrestato dalla Squadra Mobile lo scorso novembre a Latina ritenuto il presunto responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, possesso di arma di provenienza illecita e ricettazione.
Ieri si è svolto il processo in Tribunale davanti al giudice Pierpaolo Bortone e l'imputato Gaetano Fernandes, titolare di una licenza come commerciante, ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato, un giudizio previsto dal codice che prevede la riduzione di un terzo della pena in base agli elementi raccolti nel corso delle indagini preliminari. In aula il pubblico ministero Valerio De Luca ha ricostruito i fatti e ha chiesto la condanna per l'uomo mentre la difesa, rappresentata dall'avvocato Lucio Teson, ha cercato di scardinare le accuse. Al termine della camera di consiglio il giudice ha emesso la sentenza di condanna. Scontato che una volta che saranno depositate le motivazioni il legale dell'uomo, presenterà ricorso in Corte d'Appello.
L'operazione era stata condotta dalla Polizia nell'ambito dei servizi di controllo del territorio per la prevenzione dei reati predisposti dal Questore Michele Maria Spina.