E' uno scontro sottotraccia ma piuttosto grave quello avviato dalla Provincia con il Comune di Latina sulla temporanea sistemazione dei residenti nel campo Al Karama presso la ex Rossi Sud. Una scelta fatta di corsa e per motivi emergenziali dopo che lo scorso 2 luglio un incendio ha distrutto la struttura di Borgo Montello, presso la quale vivono famiglie di origine rom. Doveva essere un provvedimento tampone che, invece, si sta protraendo nel tempo e per questo il dirigente del Settore Edilizia scolastica e pianificazione, Massimo Monacelli, ha inviato una lettera con cui chiede formalmente al Comune di liberare gli spazi occupati presso il centro fieristico. «A distanza di oltre due mesi dall'accadimento - scrive Monacelli - ed in seguito ai noti eventi che hanno comportato il commissariamento del Comune di Latina, la situazione risulta immutata, in quanto codesta amministrazione non ha comunicato soluzioni alternative per ospitare i nuclei familiari presenti all'interno della struttura. La situazione sta comportando un notevole impegno per gli uffici provinciali, in funzione anche delle diverse problematiche esistenti in ordine al controllo ed alla gestione degli ospiti della struttura e che sono state debitamente rappresentate nell'ambito delle due riunioni istituzionali svolte sul tema presso la Prefettura.