Ancora una brillante operazione di controllo del territorio è stata messa a segno dai Carabinieri Forestali di Priverno in territorio di Maenza. I Militari dell'Arma del nucleo Forestale, guidati dal Comandante Marco Maggi, hanno infatti approfondito alcune segnalazioni riguardanti un'azienda agricola sita in località Farneto ed hanno provveduto al sequestro della stessa. Nello specifico, i Forestali, giunti sul posto insieme al personale della ASL di Latina, di cui avevano espressamente richiesto l'ausilio, e al sindaco di Maenza Claudio Sperduti, hanno potuto appurare la presenza di circa 200 capi di bestiame, per lo più bufale, in stato di denutrizione e inoltre anche l'accumulo di carcasse di altri animali morti ancora da smaltire in evidente contravvenzione rispetto alle norme e prescrizioni di igiene e sicurezza in materia. Proceduto al sequestro della società denominata Sviluppo & Energia e facente riferimento ad un amministratore unico delegato di Palestrina, su disposizione del magistrato di turno, la dottoressa Simona Gentile, è stato nominato un garante per far si che l'attività dell'azienda prosegua sopratutto a tutela degli stessi animali presenti. Intanto tutto il materiale raccolto, dalle prove fotografiche alle relazioni tecniche dei periti, verrà sottoposto all'attenzione dell'autorità giudiziaria competente presso il Tribunale di Latina affinché vengano rinvenute le responsabilità dei fatti accertati e di conseguenza presi i dovuti provvedimenti.