Nella giornata odierna i militari della Guardia Costiera di Terracina hanno sottoposto a sequestro penale un'area di cantiere di circa 500 metri quadrati situata nelle adiacenze del litorale di Terracina, sulla quale sono state riscontrate diverse irregolarità unitamente alla carenza degli atti autorizzativi necessari per eseguire l'intervento.

Nel corso di un sopralluogo condotto nei giorni scorsi era stato infatti riscontrato lo svolgimento di lavori che riguardavano una particella situata nella fascia dei trenta metri dal limite demaniale, e per i quali, ai sensi dell'art. 55 del Codice della Navigazione, il committente avrebbe dovuto munirsi dell'autorizzazione della Capitaneria di porto di Gaeta.

Eseguiti preliminarmente i controlli documentali del caso, il personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Terracina ha pertanto sottoposto al provvedimento cautelare reale l'area di cantiere, denunciando contestualmente a piede libero tre soggetti per i reati previsti dal Codice Penale e dal Codice della Navigazione.