Era riuscito a manomettere il programma della macchina automatica che erogava le vincite dei gratta e vinci. Un importo di 5 euro diventava da 500 con lo stesso biglietto e relativo codice. Così un 21enne di Terracina ripagava la fiducia dei titolari del bar al centro di Borgo Hermada in cui lavorava. Gonfiando a dismisura gli importi da consegnare di volta in volta ai clienti è riuscito, nell'arco di cinque mesi, a intascare oltre 50mila euro. Di fatto una cresta da 10mila euro al mese che, al momento, gli è costata una denuncia. «Lo abbiamo scoperto soltanto ora perché abbiamo fatto dei controlli più accurati», hanno spiegato i proprietari dell'attività.