Hanno chiesto il processo e sono arrivati a questa conclusione ripercorrendo la lunga e articolata inchiesta del caso dell'Hotel Guscio.
In oltre quattro ore di requisitoria ieri pomeriggio, davanti al giudice per l'udienza preliminare Giorgia Castriota, i due pubblici ministeri Giuseppe Bontempo e Claudio De Lazzaro hanno riscritto l'indagine dall'inizio alla fine: dalla denuncia della titolare di una società fallita, al botta e risposta a colpi di ricorsi al Riesame e in Corte di Cassazione sul sequestro di un milione e mezzo di euro. In otto, tra commercialisti e avvocati, sono comparsi davanti al magistrato: due hanno scelto il giudizio abbreviato che prevede la riduzione di un terzo della pena, per gli altri invece l'udienza preliminare non si è conclusa ma la Procura vuole il processo per i professionisti, destinatari quasi due anni fa di un provvedimento di sospensione emesso dal gip Giuseppe Cario.
La pubblica accusa ha chiesto l'assoluzione per Luigi Buttafoco difeso dagli avvocati Francesca Roccato e Claudio De Felice. Chiesti per il consulente del lavoro Roberto Manenti due anni. E' assistito dagli avvocati Enrico Quintavalle e Silvia Bonomo. Il reato di reimpiego di denaro di provenienza illecita è stato riqualificato in riciclaggio.