Da due anni sognava quella vacanza. Era il suo viaggio di nozze, in passato era stata costretta a rinviarlo per altri motivi e ormai non sembravano più esserci imprevisti. E invece anche questa volta è andata male.


Aveva versato la somma di 3200 euro, era tutto fatto con la partenza fissata per il 14 settembre ma l'agenzia di viaggi poi ha avuto una serie di difficoltà, ha chiuso ed è saltato tutto. E' quello che è emerso ieri nel corso del processo che vede due persone imputate, tra cui i titolari all'epoca dei fatti di una agenzia di viaggi in via Ezio a Latina, a poca distanza dalla Procura. Sono ritenute le presunte responsabili del reato di truffa. I fatti sono avvenuti nell'agosto del 2017 e oltre alla donna che aveva pianificato il suo viaggio di nozze, tra le parti offese che hanno deposto, figura anche un uomo che aveva programmato una vacanza sull'isola d'Elba e aveva versato la somma di 1900 euro. Ha riferito anche lui di essere rimasto beffato dalla condotta di G.C., titolare dell'attività.