Il reato ipotizzato è quello di omicidio stradale. Sul banco degli imputati davanti al gup Mario La Rosa, c'è il giovane di 24 anni di Latina che era al volante dell'auto uscita fuori strada in via Nascosa all'ingresso del capoluogo pontino, su cui viaggiava Alessandro Paulotto, 23 anni: era un suo amico, morto nel terribile incidente.
Il ragazzo finito sotto inchiesta, difeso dall'avvocato Renato Archidiacono, è comparso davanti al giudice per l'udienza preliminare e ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato (un giudizio previsto dal codice che prevede la riduzione di un terzo della pena in base agli elementi raccolti in fase di indagini preliminari) e in aula si torna il prossimo 16 febbraio.
In base ai rilievi, la Fiat 600 guidata dal 24enne procedeva ad una andatura di 70 chilometri orari rispetto al limite in via Nascosa che era di 50 e il ragazzo al termine degli accertamenti a cui era stato sottoposto è emerso che aveva un tasso alcolemico leggermente superiore a quanto consentito.