«Un'opera all'avanguardia che rispetterà anche le norme sismiche». Marco Moladori, responsabile della struttura territoriale del Lazio per l'Anas, è andato dritto al punto davanti ai giornalisti convocati oggi pomeriggio in Prefettura per annunciare gli ultimi dettagli del rifacimento del ponte di Badino di Terracina. Da domani alle 20 si chiuderà il tratto del ponte di 90 metri e da mercoledì mattina cambierà radicalmente la viabilità alle porte della città.

Per tutta la durata dei lavori, la cui fine è prevista per la fine di maggio 2023, sarà infatti interdetto il transito sul ponte e il traffico convogliato su tre percorsi alternativi: i mezzi pesanti sulla Migliara 53 per poi prendere l'Appia in direzione Terracina, gli altri veicoli sulla Migliara 58 e chi invece proviene da Terracina potrà percorrere Via Badino Vecchia che rimarrà a doppio senso di circolazione e che potrà essere utilizzata anche dai fornitori delle attività commerciali della zona.