In primo grado era stato condannato a cinque anni di reclusione. La sentenza era stata emessa quasi un anno fa in Tribunale.
In Corte d'Appello a Roma la pena è stata ridotta a un anno e sei mesi. Tra 40 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza emessa nei confronti di Ivan Holantek, classe 1957, originario della Repubblica ceca detenuto in carcere, difeso dall'avvocato Giovanni Codastefano che - una volta depositate le motivazioni - aveva impugnato la condanna in primo grado. Il processo si era concluso nel gennaio del 2022 e il cittadino straniero aveva scelto il rito abbreviato. Nel corso del processo che si è svolto a Roma, il procuratore generale aveva chiesto la conferma della condanna di primo grado, mentre la difesa ha cercato di scardinare le accuse chiedendo l'assoluzione e in sub ordine il minimo della pena. Al termine della camera di consiglio i giudici hanno emesso la sentenza.
I fatti contestati erano avvenuti più di un anno fa, il pomeriggio dello scorso 15 settembre del 2021 a Latina in via Duca del Mare, a poca distanza da piazza del Popolo, nel cuore del centro storico. In base a quanto è emerso l'uomo si era avvicinato ad una giovane studentessa che era alla fermata dell'autobus in attesa del mezzo che la riportasse a casa e si era sbottonato i pantaloni mostrando le parti intime, la ragazza era comunque riuscita a fuggire.