Sin dalle prime luci dell'alba di ieri la Polizia Locale di Latina ha dato seguito agli accertamenti svolti nella serata di mercoledì per risalire al veicolo che è scappato dalla Migliara 45 dopo avere provocato l'incidente nel quale è morta la donna di 75 anni Elda Caiola. Gli agenti del Comune infatti hanno effettuato una serie di ispezioni alla ricerca della vettura che è scappata, quindi del conducente, tenendo conto dei dettagli emersi attraverso la visione del filmato di video sorveglianza acquisito in un'abitazione situata nei pressi del luogo dell'impatto. I poliziotti della Locale infatti hanno ipotizzato marca e modello della vettura, ma anche il colore, indicazioni che hanno permesso di restringere il campo delle ricerche.
Intanto la Procura sta disponendo le perizie tecniche volte a ricostruire con dovizia di particolari le circostanze del sinistro e del decesso. Stando a una prima ricostruzione dell'incidente, l'auto pirata avrebbe compiuto un sorpasso azzardato per superare la Mercedes Classe A della coppia di anziani che la precedeva, poi nel tentativo di rientrare nella corsia di marcia avrebbe urtato lateralmente la loro vettura, di fatto speronandola. Dopo la collisione, infatti, la macchina della coppia era uscita di strada oltre la scarpata, volando nel campo sottostante fino a impattare contro un albero. Probabilmente alla passeggera è risultato fatale l'ultimo impatto, essendo finita contro il parabrezza.