Cinque chili di droga, grammo più, grammo meno, e due giovani in manette. E' il bilancio di una operazione portata a termine nelle scorse ore dai militari dell'Arma dei Comandi di Ciampino e Castel Gandolfo impegnati in attività contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. E' presumibile che durante tali attività, i Carabinieri abbiano fermato per un controllo due soggetti apriliani. Due giovani di 33 e 22 anni (Mirko C. e ed Enrique D. B.) che risultano non aver precedenti sulle spalle. Due incensurati e insospettabili. I dettagli dell'operazione al momento non sono stati resi noti. Di certo si sa che i carabinieri sono giunti fino ad Aprilia, nella zona 167, dove hanno fatto scattare le perquisizioni che hanno portato al rinvenimento e al sequestro di circa 5 chili di sostanze stupefacenti di cui circa 400 grammi in cocaina, il resto in hascisc.
Un sequestro davvero ingente che ha portato in manette i due presunti spacciatori che dal giorno del blitz si trovano ristretti nelle camere di sicurezza del Comando di Ciampino. Ieri in Tribunale a Latina davanti al giudice Giorgia Castriota, si è tenuta l'udienza di convalida del fermo e, soprattutto, di conferma della misura cautelare che prevede la detenzione in carcere come chiesto dalla Procura di Latina (De Lazzaro). I due giovani attenderanno di conoscere in queste ore la loro ultima destinazione in attesa del processo a loro carico.
A loro l'autorità giudiziaria naturalmente chiede di riferire da chi siano riusciti a rimediare un così ingente quantitativo di droghe, o per chi lo detenessero. Non è al momento infatti certo che la droga e quindi lo spaccio della stessa fosse in capo ai due arrestati. Una delle ipotesi è che la nascondessero per qualche gruppo criminale come spesso accade, proprio ad Aprilia.