Nonostante i recenti lavori di ammodernamento e restyling, il parcheggio multi piano sotto al terminal dei bus di Priverno, in via degli Orti, resta luogo a rischio di atti vandalici e furti. Le segnalazioni arrivano dagli stessi utenti che hanno ricominciato a trovare le proprie vetture danneggiate e svuotate di oggetti e spiccioli lasciati negli abitacoli. L'ultima segnalazione arriva da una donna che aveva lasciato nei giorni scorsi la propria auto parcheggiata nei posteggi a pagamento del parcheggio e poi si era allontanata per completare alcuni giri. Al suo ritorno ha trovato il finestrino del lato passeggero infranto e il contenuto dell'abitacolo asportato. Un contenuto misto, fatto di pochi oggetti che di solito si lasciano in macchina e qualche spicciolo per un ammontare sicuramente inferiore al danno provocato dallo sfondamento del finestrino avvenuto mediante il lancio di un mattone in coccio di quelli utilizzati per le facciate a cortina. Quasi incredula, la proprietaria della vettura ha provveduto a denunciare il fatto alle Forze dell'Ordine e ha richiesto l'acquisizione delle videocamere di sorveglianza dello stesso parcheggio nella speranza di individuare il responsabile di un tale gesto. Alla sua segnalazione, postata anche sui social, sono seguiti tanti commenti di solidarietà a cui si mischiano però anche messaggi di altri cittadini che hanno subito sorte similare, alcuni anche in altri punti della città. Addirittura arriva il racconto di una donna che ha subito tre furti con danni similari, l'ultimo dei quali ha fruttato al ladro il bottino di crick, cavetti per l'accensione, triangolo per le emergenze e mezzo pacchetto di crocchette per gatti. C'è stato chi chiede maggior controllo, anche se tali richiesta, considerata la pianta organica disponibile alle Forze dell'Ordine locali, appare anacronistica e vista la presenza anche di telecamere, appare assurdo che ciò possa ancora accadere. I parcheggi sono stati infatti totalmente rifatti recentemente, dotati di videosorveglianza in entrata e uscita e assegnati alla gestione di una ditta che ne cura gli spazi sia per quanto riguarda gli stalli concessi in abbonamento che quelli regolati a parcometro.