Rapina a mano armata l'altra sera ad Aprilia, uno dei cassieri aggredito e picchiato.
I due responsabili di una sala scommesse non si sono accorti subito che uno dei clienti, intorno alle 18, è entrato con il volto coperto. Hanno però visto l'arma che impugnava e con la quale ha intimato di consegnare l'incasso giornaliero. Di fronte ad una iniziale ritrosia di uno dei due cassieri, il bandito lo ha aggredito e colpito col calcio della pistola, a quel punto la vittima ha eseguito l'ordine e ha consegnato soldi contanti per circa 1.500 euro. Arraffato il bottino il rapinatore ha guadagnato l'uscita senza degnare di uno sguardo gli altri avventori dell'attività, è uscito ed è salito in auto. E' con quell'auto, una berlina Mercedes scura condotta da un complice, che è avvenuta la fuga.
Immediata la richiesta di intervento al 112 che ha inviato sul posto i Carabinieri del Radiomobile del Reparto territoriale di Aprilia. I militari diretti dal tenente colonnello Paolo Guida hanno ascoltato i presenti e acquisito i filmati delle telecamere del sistema di videosorveglianza. Non solo. Sono stati acquisiti anche i filmati di alcune telecamere del Comune presenti sulla possibile via di fuga dei banditi. Si cerca qualche elemento utile per dare un nome e un volto ai due banditi. Il colpo dell'altra sera presso la sala scommesse BigBet, rompe una sorta di "tregua", di periodo di relativa calma dal punto di vista delle rapine che, puntualmente, con l'approssimarsi delle feste subiscono purtroppo un aumento.