Sfondano il cancello di ingresso usando un'auto come ariete e una volta dentro portano via nel giro di pochi minuti una Mercedes nuova ancora da immatricolare. Un colpo mirato che sembra essere opera di un banda specializzata quello messo a segno giovedì sera presso il noto autosalone "L'Automobile" sulla Pontina nel territorio di Cisterna, a confine con quello di Latina. I banditi sono entrati in azione intorno alle ore 22 arrivando a bordo di una vettura usata poi per buttare giù il grosso cancello. Una volta nel cortile hanno "scelto" la vettura da rubare e nel giro di pochi minuti sono riusciti ad avviare il motore e fuggire.

Durante queste fasi concitate è scattato il sistema di antifurto che ha allertato la Polizia di Stato. Dal Commissariato di via Croce sono sopraggiunte diverse volanti ma al loro arrivo dei ladri non vi era già più traccia. All'arrivo di uno dei responsabili del centro si è accertato che la vettura portata via è una Mercedes. Sono scattate immediatamente le indagini dentro e fuori all'autosalone. Il reparto della scientifica ha effettuato diversi rilievi, mentre gli agenti dell'anticrimine diretta dal commissario Giulio Bernardini, in forza al Commissariato di via Croce guidato dal vice questore Riccardo De Sanctis, hanno visionato le telecamere del sistema di sorveglianza. E' stata ovviamente diramata una nota alla Polizia Stradale in quel momento impegnata nel controllo della Pontina ma della vettura tedesca e dei ladri si sono perse le tracce

. Per questo l'attività di ricerca è continuata senza sosta anche in queste ore, con l'acquisizione di altri filmati nella zona utili per ricostruire la fuga dei banditi. E' probabile che i malviventi possono aver utilizzato una via secondaria, una strada di campagna meno trafficata. Di sicuro per allontanarsi a bordo della Mercedes senza targa è stata utilizzata una falsa oppure rubata da un altro veicolo. Tutti elementi che sono al vaglio degli inquirenti che indagano a tutto campo per risalire agli autori del colpo.