Sarà un'udienza preliminare con numeri da record. Oltre 70 imputati. Sono stati riuniti i fascicoli dei due tronconi dell'inchiesta sui certificati facili. Le persone che rischiano di finire sotto processo sono residenti in mezza provincia, da Latina a Priverno, da Fondi a Monte San Biagio. E' una tranche dell'inchiesta Certificato pazzo e alcune posizioni processuali le più delicate erano state definite già con il rito ordinario e abbreviato e si era concluso il processo di primo grado. In un primo momento il numero delle persone finite sotto inchiesta era stato di 126. L'operazione condotta dai Carabinieri del Nas di Latina ha portato ad ipotizzare il reato di corruzione.
Erano stati gli investigatori a fare luce su quella che era stata definita «La fabbrica dei certificati» e dopo l'esecuzione delle misure restrittive nel dicembre del 2018, in un secondo momento erano state indagate quasi cento persone a piede libero, a seguire i magistrati avevano archiviato la posizione di almeno 20 persone.