Riparte l'attività di protesta dei residenti che vivono nell'area circostante l'impianto della ex Kyklos di via le ferriere alle porte di Aprilia. Questa mattina decine e decine di persone si sono ritrovate presso quello che una volta era il presidio fisso all'entrata dell'impianto di trattamento dei rifiuti che si trova al confine con Nettuno per far sentire nuovamente la propria voce e soprattutto per lanciare l'ennesimo appello alle istituzioni: vogliono poter tornare a vivere liberamente, a poter tenere aperte le finestre e, soprattutto, a non dover temere malori o altre forme di disagio. Negli ultimi mesi infatti il problema dei miasmi che presumibilmente partono dall'impianto della ex Kyklos, sta rendendo nuovamente difficile la vita a decine di famiglie nel completo silenzio e apparente indifferenza dell'istituzioni chiamate, invece, a tutelare la salute pubblica.