Ammonta ad oltre 80 anni la pena complessiva inflitta dai giudici del Tribunale di Cassino agli imputati dell'inchiesta Touch&Go, sviluppatasi nell'ambito delle indagini sul traffico di sostanze stupefacendi nella zona di Minturno e centri limitrofi. Le pene inflitte sono inferiori rispetto a quanto chiesto dal Sostituto Procuratore della DDA Corrado Fasanelli e che hanno riguardato undici dei dodici imputati, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, possesso di armi e di materiale esplodente, minacce, violenza privata e lesioni. Queste le condanne ufficializzate nel primo pomeriggio di oggi: Armando Clemente Cardillo (10 anni e 6 mesi), Giancarlo Di Meo (6 anni e 10 mesi), Daniele Scarpa (6 anni e 8 mesi), Giuseppe Sellitto (6 anni e 8 mesi), Matteo Rotondo (7 anni e 4 mesi), Domenico De Rosa (10 anni e 6 mesi), Giuseppe De Rosa (10 e 4 mesi), Giovanni Nocella (7 anni e 2 mesi), Giuseppe Leone (7 anni e 2 mesi), Francesco Leone (7 anni), Marco Barattolo (4 anni e 2 mesi). L'unica assolta dal collegio presieduto dal giudice Marco Gioia è stata Raffaella Parente, perchè il fatto non costituisce reato. Ora si attendono le motivazioni che saranno ufficializzate entro novanta giorni.