Una presenza pontina di rilievo fa parte dell'inchiesta Prisma dove è coinvolta la Juventus. Nel pool di inquirenti che ha condotto l'indagine sulla società bianconera, c'è il pubblico ministero Ciro Santoriello, 58 anni da compiere a giugno, magistrato nato a Latina che ha trascorso buona parte della gioventù nel territorio pontino.
Dal capoluogo a seguito di spostamenti della famiglia legati alle motivazioni di lavoro, Santoriello si trasferisce a Formia dove vive l'esperienza degli studi e dello sport. Si dedica per diversi anni all'attività agonistica della Fabiani Formia (società nella quale il padre Enzo entra a far parte della dirigenza all'inizio degli anni ‘80), facendo anche parte dello staff tecnico della prima squadra allora militante nel campionato di serie D maschile.

Nell'inchiesta Prisma la Procura di Torino aveva chiesto l'applicazione delle misure restrittive anche nei confronti del presidente della Juventus Andrea Agnelli. Gli inquirenti avevano chiesto gli arresti domiciliari ma la richiesta era stata respinta.