Uno sbancamento di terra di importanti dimensioni in prossimità del fosso, tanto da mettere a rischio il regolare flusso delle acque e da attirare l'attenzione della Polizia Locale di Aprilia, che ne ha disposto l'immediato sequestro. Una situazione di pericolo legata anche alla particolare situazione idrogeologica dell'area, posta nel cuore del quartiere Riserva Nuova.
Nei giorni scorsi gli agenti della Polizia Locale di Aprilia, coordinati dal comandante Massimo Giannantonio, nell'ambito di un'attività di controllo volta a prevenire reati e situazioni di pericolo, hanno notato una situazione anomala in un terreno di via Scrivia, situato al confine con il fosso della Moletta.

Su un terreno di circa 1500 metri quadranti, gli operanti del comando di viale Europa hanno notato uno smottamento di terra anomalo che li ha indotti ad approfondire attraverso l'ausilio di strumenti tecnici per capire le ragioni della presenza di terreno scavato di recente e poi ammucchiato sull'appartamento e a pochi metri dal corso d'acqua.
Proprio gli approfondimenti tecnici hanno confermato la presenza di un riporto di terra per un quantitativo che si aggira intorno ai 1200 mc e accatastata a pochi metri dal fosso della Moletta.