Sono stati condannati a due anni di reclusione ciascuno, più revoca della patente i due imputati per la morte di Gina Turriziani Colonna, la studentessa universitaria deceduta in seguito ad un terribile incidente avvenuto il 2 luglio 2017 all'incrocio di via Zi' Maria. Si tratta di Danilo Carlino, 36enne all'epoca dei fatti, che era alla guida dell'auto su cui si trovava la vittima, e Vincenzo Vartolo, conducente dell'altra auto coinvolta nell'impatto. Erano accusati di omicidio colposo in concorso. Gina Turriziani Colonna si trovava sull'auto condotta dal fidanzato, che all'altezza dell'intersezione tra via Zi' Maria e via della Segheria era entrata in collisione con una Fiat 500 condotta da una coppia di Aprilia. Per questo sul banco degli imputati erano finiti i conducenti dei veicoli coinvolti, difesi dagli avvocati Fernando e Luca Ciavardini e dagli avvocati Stefano Tiberia e Carlo Bonzano.

La famiglia di Gina Turriziani Colonna si è costituita parte civile ed è stata rappresentata dall'avvocato Nicola Ottaviani. Nel corso dell'inchiesta il pubblico ministero Giuseppe Miliano, titolare del fascicolo, aveva contestato la violazione delle norme del codice della strada e il reato omicidio colposo con un concorso di colpa.
Una prospettazione che si basa sulle risultanze di un accurato sopralluogo della Polizia Locale che aveva ricostruito la dinamica dell'incidente e le condotte dei conducenti delle due autovetture coinvolte nel sinistro. Nel corso del processo sono stati ascoltati diversi testimoni.