Morì a seguito delle ferite riportate cadendo nel bus che lo stava trasportando al centro diurno Giardino dei Sorrisi, per questo motivo a distanza di 15 anni il Comune di Aprilia, l'azienda speciale Multiservizi e la compagnia assicurativa sono stati condannati a pagare un risarcimento complessivo di 380 mila euro nei confronti dei familiari di Diego Dal Poz.
E' quanto stabilito dalla seconda sezione civile del Tribunale di Velletri con la sentenza del 22 dicembre 2022 per i tragici fatti avvenuti il 18 febbraio 2008. Il ragazzo di 29 anni, diversamente abile e invalido al 100%, si trovava a bordo del Fiat Ducato (di proprietà del Comune e concesso in comodato all'Asam) che lo aveva prelevato dalla sua casa di Lanuvio per portarlo al "Giardino dei sorrisi", il centro diurno a disposizione dei diversamente abili della zona, quando percorrendo la Nettunense - a causa di una brusca frenata dell'autista per evitare il veicolo che lo precedeva - cadde riportando gravi lesioni. Trasportato al pronto soccorso e poi sottoposto a esami diagnostici, Diego non si riprese più da quell'incidente, morendo il 26 maggio 2008 dopo tre mesi di ricovero in ospedale.