Dovrà comparire in Tribunale a febbraio del 2024. Tra poco più di un anno infatti, un uomo residente ad Aprilia, sarà processato per il reato di evasione dagli arresti domiciliari. Non è una cosa così rara, ma questa volta a rendere particolare il caso, è che l'uomo, Alberto C., quando venne fermato e denunciato dai militari dell'Arma, avrebbe riferito di aver deciso di uscire di casa per l'impellenza di dover presentare la documentazione con cui richiedere il Reddito di cittadinanza.
Forse sperava che quella giustificazione lo salvasse dalla denuncia. Ma forse doveva anche essere informato che tra i requisiti per ottenere il sussidio, c'è anche quello che prevede che il richiedente non si trovi, al momento della domanda, in stato detentivo per la durata della pena, ricoverato in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a carico dello Stato o altra pubblica amministrazione.