È stata arrestata con l'accusa di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, una 57enne pontina raggiunta oggi dai carabinieri del Comando provinciale di Latina, che hanno dato esecuzione all'ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Latina.

Le indagini dei carabinieri, sotto la direzione della Procura di Latina, si sono svolte nell'ambito di un'operazione successiva ad un omicidio avvenuto nell'estate del 2020. Infatti, nel corso delle indagini, è emerso come un pregiudicato del luogo, indagato per il citato reato di omicidio e per traffico di stupefacente, fosse entrato in possesso di un video a contenuto sessuale tramite la donna arrestata oggi. Il video ritraeva un'altra donna, successivamente identificata, che nel tempo è stata contattata e minacciata più volte dall'uomo, che pretendeva rapporti sessuali: in cambio non avrebbe diffuso il video hard.

L'indagine ha consentito di dimostrare che la donna arrestata, dal 2019 fino ad almeno settembre 2022, si occupasse di introdurre, favorire e sfruttare la prostituzione di almeno tre donne. Le proponeva di prostituirsi e di promuovere la loro attività, procurandogli incontri con clienti da lei procacciati, reperendo i luoghi destinati all'atto sessuale, accompagnandole presso tali luoghi  e fornendo l'occorrente per le prestazioni. Infine, era sempre lei a determinare il corrispettivo delle rpestazioni sessuali, che le veniva versato direttamente dai clienti, per poi essere consegnato alle donne dopo aver detratto una somma per sé.