Per quasi venti chilometri ha seminato il panico sulle strade con i carabinieri che lo hanno inseguito senza intervenire, anzi rischiando di essere speronati in diverse occasioni. Poi la trappola fatta scattare con l'ausilio di colleghi di altri comandi ha permesso di bloccare la folle corsa della vettura e fermare un 40enne.
Tutto è iniziato nel quartiere popolare di Aprilia. I militari dell'Arma hanno intimato l'alt ad una vettura il cui conducente ha invece accelerato e ha provato a dileguarsi. Per oltre una ventina di chilometri ha provato a far perdere le proprie tracce con i militari che, anche per evitare inutili rischi, hanno evitato di speronare la vettura in fuga. Il 40enne invece a più riprese ha provato a centrare le pattuglie. Una volta tratto in arresto è stata anche trovata una minima quantità di droga. Ieri mattina in Tribunale l'uomo accusato di resistenza a pubblico ufficiale e destinatario di una serie di verbali per infrazioni al Codice della strada, ha ottenuto una misura cautelare che gli impone di restare entro i confini municipali di cisterna con la speranza che non torni più a turbare la serenità della comunità apriliana.