Sì  terrà oggi un'udienza per una denuncia  a carico del noto scrittore e giornalista Giampiero Mughini, denunciato dalla famiglia di Desiree Mariottini (giovane drogata, violentata e uccisa a San Lorenzo) per alcune frasi che la famiglia definì gravi, irrecevibili.

Erano passati quasi dieci giorni dal ritrovamento della piccola Desy senza vita. Mughini, ospite a Domenica In disse, al termine di un servizio sulla povera Desy, che «Questo ritratto non corrisponde al vero. Questa ragazzina non era una principessa», che era una predestinata a fare quella fine: «Veniva da una famiglia straordinariamente debole di uno che vendeva la droga e da una madre inesistente». Affermò che a seguito dell'ambiente in cui era cresciuta era destinata a quella fine, parlò di un «reame della droga, dove non puoi trovare carmelitani scalzi. Era predestinata perché con una vita così e una famiglia così difficilmente avrebbe potuto fare una fine diversa». Per la famiglia una nuova coltellata al cuore. Ma anche una secchiata di fango sulla memoria di una ragazzina così brutalmente seviziata e uccisa che ha portato al rinvio a giudizio di Mughini.