Sono stati ascoltati questa mattina dal gip Pierpaolo Bortone gli indagati dell'operazione condotta dagli agenti del Commissariato di Polizia di Fondi che avevano portato agli arresti domiciliari il gestore del Club Privee il Sentiero Michele Antonelli e poi Daniele Pannoni di Fondi. L'accusa è quella di sfruttamento della prostituzione, nell'inchiesta era finita anche una donna di origine romena Dumitrescu Mariana. I tre indagati hanno cercato di ridimensionare le accuse davanti al magistrato, Pannone ha sostenuto che frequentava la zona del bar del locale mentre Antonelli ha spiegato che era il titolare del locale. Le indagini erano scattate la scorsa estate dopo le denunce di tre donne romene, che riferivano di essere state costrette a prostituirsi nel locale.