Sono stati rintracciati i malviventi che ieri hanno cercato di mettere a segno una rapina in un centro scommesse a Sezze in via Veneto. Si tratta di due romani. Com'è noto,  una persona con volto travisato, dopo essersi introdotta in una sala scommesse aveva minacciato con una pistola il gestore al fine di farsi consegnare l'incasso giornaliero. L'immediata reazione del proprietario faceva desistere il malfattore che si allontanava a bordo di un'autovettura condotta da un complice. Ma numero di targa e modello della macchina non sono passati inosservati   ed i militari dell'Arma in poco tempo hanno rintracciato il proprietario che risultava risiedere in una zona di Roma. Le immediate investigazioni eseguite dagli operanti del locale comando stazione, in collaborazione con i Carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Monte Sacro, prontamente attivati dall'Arma del posto, consentivano di rintracciare e deferire all'A.G. in stato di  libertà gli autori della tentata rapina. Si tratta di due romani, un 51 enne ed un 21 enne, che sottoposti a perquisizione personale e domiciliare, venivano trovati in possesso dell'arma utilizzata per il colpo, rivelatasi inoffensiva sebbene privata del tappo rosso per simularne le caratteristiche, dell'autovettura e dell'abbigliamento utilizzato per la commissione della rapina.