Si conferma, purtroppo, piuttosto anticipata, rispetto agli anni passati, la stagione degli incendi nei territori collinari del comprensorio lepino e ausono. Dopo Sezze, Maenza e Sonnino, è la volta di Priverno. Nella mattinata di ieri le fiamme hanno attaccato, intorno alle ore 10, un territorio di circa cinque/sei ettari di terreno, per lo più boschivo e in parte coltivato a uliveti. La zona interessata dall'incendio è quella di Monte Sant'Angelo, alle spalle della frazione di Ceriara e quasi al confine con il territorio di Roccagorga, una collina coltivata soprattutto a uliveti. Saranno gli investigatori a stabilire le cause esatte dell'incendio di ieri, ma, da una prima sommaria valutazione, non è da escludere che, anche a Monte Sant'Angelo, potrebbe essere accaduta la stessa cosa di Sonnino. Vale a dire che le fiamme possano essere ‘sfuggite' a qualche contadino, che stava bruciando i residui della potatura di un uliveto.