Furti in serie nei negozi: individuato e denunciato un giovane sospettato di essere l'autore di questi ultimi raid,. Ma per scoraggiare l'azione dei ladri gli esercenti sono pronti a intraprendere iniziative come evitare di lasciare contanti in cassa e tenere aperti i cassetti perché i danni provocati dagli scassinatori sono sempre di gran lunga superiori all'ammontare del bottino raccolto.
L'allarme l'altra notte è scattato poco dopo l'una, quando il ladro solitario è riuscito a introdursi nel negozio di abbigliamento "Pantano" all'angolo tra via Oberdan e viale Don Morosini. Questa volta anziché utilizzare un motorino come ariete, deve avere abbattuto a calci il vetro della porta. Con movimenti fulminei ha strappato il cassetto del registratore di cassa, che tuttavia era vuoto, ed è fuggito a piedi. In zona sono confluite rapidamente le pattuglie dei carabinieri dell'aliquota radiomobile e i poliziotti della Squadra Volante: sono stati proprio questi ultimi a rintracciare poco dopo A.A., ventiquattrenne del capoluogo, sospettato delle ultime spaccate consumate in centro. 

Con lo stesso metodo, probabilmente prima del raid da "Pantano", il ladro aveva già tentato la spaccata all'ottica "L'Occhialeria" di corso della Repubblica: il vetro della porta ha retto ai colpi dello scassinatore