Una sequela di sanzioni, un elenco incredibile di automobilisti che ora dovranno pagare in qualche caso multe salatissime oltre a vedersi decurtare anche 10 punti. In qualche caso sarà richiesta la sospensione della patente.
La nuova strumentazione in dotazione alla Polizia stradale del Distaccamento di Aprilia diretta dal comandante Massimiliano Corradini l'abbiamo vista in azione qualche giorno fa durante un'assolata mattinata passata prima a Borgo Piave, nei pressi dell'Istituto Agrario, e poi come di consueto, a Campoverde. Innanzitutto va detto che il telelaser riesce, una volta impostato, a individuare e distinguere tra mezzo pesante e autovettura con i relativi diversi limiti di velocità. La seconda cosa sconcertante è che tra la marea di auto e di mezzi che sono stati sorpresi oltre i limiti, la grande maggioranza sono utilitarie. Spesso condotte da giovani. Poi le velocità più alte sono appannaggio di auto di grossa cilindrata certo, ma è singolare che Punto, Panda, Ypsilon, 500 e Fiesta (per citarne solo alcune) siano quelle lanciate a non meno di 120 all'ora in un tratto (Campoverde) in cui il limite è 90.
Le rilevazioni della Polizia stradale avvengono in un tratto rettilineo. La pattuglia è visibile da centinaia e centinaia di metri prima e il punto di rilevazione è a una cinquantina di metri dopo. Eppure tanti, troppi, non si accorgono nemmeno della presenza degli agenti. Alcuni non accennano nemmeno a rallentare.
Il Trucam, il nuovo telelaser in dotazione alla Stradale è uno strumento semplice ed efficace. Rileva velocità, targhe e altri dati a centinaia di metri di distanza. Anche un chilometro. La sua telecamera ad alta definizione inoltre, riesce a inquadrare nitidamente l'abitacolo di un mezzo e ad accertare se il conducente indossa la cintura di sicurezza, se parla al telefono o se ha altri comportamenti illeciti come - si è scoperto nei primi giorni di utilizzo e controlli - il farsi la barba, mangiare e fumare insieme, scrivere messaggi al telefono. Seicento le sanzioni elevate nella seconda parte di marzo, ma già nei primi giorni di aprile altre 430 fotografie. Oltre mille multe tutte per il superamento dei limiti di velocità. Non è dato sapere che tipo di tolleranza abbia il Trucam, ma è chiaro, ci dicono gli agenti, che se dovessero tare lo strumento a 90 all'ora, o anche a poco al di sopra, non si salverebbe praticamente alcuna vettura. Sorprende poi che anche autisti di professione, se non camionisti, i conducenti dei mezzi pubblici, spesso decidono di non rispettare i limiti.