Un pullman del trasporto locale, diversi camion, ma di certo quando il telelaser ha fotografato quel mezzo a 150 all'ora, nessuno si aspettava di vedere un carro funebre.
Anche ieri mattina gli agenti della Polizia stradale di Aprilia sono stati impegnati in una attività di controllo e rilevazione della velocità lungo la via Pontina. In appena due ore, grazie al nuovo telelaser ad alta tecnologia, sono stati immortalati ben 195 trasgressori che percorrevano la strada regionale a velocità di gran lunga superiori al limite consentito, fissato a 90 km orari. La media è di un'auto fotografata in poco meno di un minuto.  Mercoledì scorso inoltre grazie al Trucam, sono stati "pizzicati" altri 139 automobilisti che spingevano troppo sull'acceleratore e ai quali verrà recapitata una multa salata.
Il bilancio in appena quattro giorni di servizio è di oltre 800 trasgressori immortalati dal dispositivo. Numeri da record destinati a salire, dal momento che i controlli del territorio sulla strada che congiunge capitale e capoluogo proseguiranno per tutta la settimana. La Polizia stradale infatti, aderisce lla campagna europea "Tispol Speed" per il contrasto all'alta velocità. Controlli in contemporanea in tutti i Paesi a tutte le ore, di giorno e di notte, anche sulla Pontina, classificata tra le strade più pericolose d'Italia.
Ad agevolare il compito degli agenti della Polizia Stradale di Aprilia, coordinati dall'ispettore superiore Massimiliano Corradini, Trucam, il nuovo telelase ad alta tecnologia in dotazione al distaccamento del comune Nord Pontino oltre che alla Polstrada di Oristano. Trucam, non perdona nessuno: i trasgressori, quelli che guidano mentre stanno facendo altro o chi è abituato a premere troppo sull'acceleratore, vengono tutti immortalati e multati. Il dispositivo infatti, è in grado di "vedere" all'interno dell'abitacolo per verificare se le cinture siano allacciate correttamente o se il conducente sta parlando al telefono (oltre che rilevare la velocità dei mezzi in transito) a oltre un chilometro, consentendo così la contestazione immediata dell'infrazione. Oltre al vantaggio di poter rilevare infrazioni a grande distanza, il dispositivo, grazie agli infrarossi, può funzionare anche di notte.
I "numeri" parlano da soli. Due ore di controllo sono bastate a catturare le immagini di ben 195 trasgressori, camion e autovetture che viaggiavano a una velocità compresa tra i 120 e i 170 chilometri orari. All'occhio elettronico non è sfuggito neanche un carro funebre, che sfrecciava a 150 chilometri orari.